Il valore simbolico dello spazio e del vuoto

Un proverbio indiano dice che “ogni persona è una casa composta da quattro stanze: una fisica, una emotiva, una spirituale e una razionale. Ciascuno tende a trascorrere la maggior parte della vita in una delle stanze, ma solo se entriamo in ciascuna ogni giorno, anche solo per darle aria, siamo persone complete” (Rumer Godden).

Adesso che hai fatto ordine intorno a te, negli ambienti in cui ti muovi tutti i giorni, e hai buttato via tutto ciò che non ha l’energia “giusta” per la donna che sei oggi, puoi iniziare ad ascoltarti davvero. Noi esseri umani siamo persone abitudinarie; anche per quanto riguarda la casa, tendiamo a vivere negli stessi spazi, trascurandone altri. Non solo abbiamo la tendenza a chiuderci nelle stesse stanze ma, anche nella medesima stanza, ci sono angoli in cui non sostiamo mai per un lungo periodo. Basandoci sulla similitudine della casa con la nostra persona, ciò significa che tendiamo, allo stesso modo, a trascurare anche “spazi” del nostro Io.

  • Ti propongo di fare un semplice esercizio: almeno una volta a settimana decidi di passare del tempo in una stanza – o in una parte di essa – che non frequenti mai. Se ti sembra che sia uno spazio “morto”, prova a ravvivarlo in qualche modo, magari con una piantina, un vaso di fiori, un oggetto colorato, oppure spostando la disposizione dei mobili. È la tua casa, sono i tuoi spazi: devi sentirti a tuo agio in ogni ambiente.

Il decluttering a cui ti sei dedicata ha portato, come conseguenza, dello spazio vuoto. In generale, chi più chi meno, sperimentiamo tutti l’horror vacui, la paura degli spazi vuoti. E così riempiamo, di oggetti, di relazioni, di impegni. Nella cultura orientale il vuoto è “pieno” di infinite possibilità, è libertà assoluta perché è un contenitore di potenzialità non ancora espresse. Dovremmo imparare anche noi ad abbracciare questa visione, in modo da riscoprire una dimensione – il vuoto – mai considerata prima.

  • Come si fa? Creando fisicamente un po’ di vuoto. Puoi, ad esempio, liberare una parete in una stanza e divertirti a guardare gli oggetti da un’altra prospettiva. Libera un ripiano di una libreria, sposta dei mobili, immagina di guardare quegli spazi come se fossero nuovi.

Forse il tuo Io Autentico che si sta risvegliando chiede spazi nuovi?

  • Se vorresti cambiare casa ma al momento non puoi, prima di guardare gli annunci immobiliari, prova a fare un esercizio di gratitudine. Guarda alla tua casa attuale essendo grata per le stanze, le finestre, il tetto, le fondamenta. Non dimenticare che la casa dei tuoi sogni vive innanzi tutto dentro di te.

Il decluttering della casa, oltre ai benefici di tipo pratico, ne ha uno non trascurabile da un punto di vista psicologico: la consapevolezza che, anche se non siamo in grado di esercitare un controllo sugli eventi esterni, siamo perfettamente padrone delle nostre risorse interiori e possiamo decidere di incanalarle in una direzione di benessere.

Si dice che “ciò che è tuo ti sta cercando”. Ma perché possa trovarti, che si tratti di una macchina nuova o di una relazione, hai bisogno di fargli spazio nella tua vita. Il vuoto è espansione, apertura a nuove possibilità, ed è legato a una mentalità di abbondanza. Gli oggetti che ami dovrebbero suscitare in te emozioni positive e ciò vale anche per le relazioni. Non tutti i nostri desideri trovano una risposta immediata ed è un bene perché ognuno di essi merita di avere un luogo in cui essere accolto. È sempre un buon esercizio imparare a preparare uno spazio “fisico”, nella tua vita come nel tuo cuore, per accogliere i tuoi desideri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi iscriverti alla mia newsletter?

Vuoi un assaggio gratuito di quello che posso fare per te e di quello che troverai in questo sito?
Iscriviti alla mia mailing list! E in regalo ricevi subito il mio corso Donne che amano troppo.

Stai tranquilla scrivo poco e solo per dirti cose utili e interessanti, ti aspetto!
Francesca

Sì, mi hai convinto

Per inviarti la mia newsletter ho bisogno del tuo consenso a utilizzare i dati che mi hai fornito. Ti chiedo di selezionare le opzioni che trovi qui sotto, che indicano le modalità in cui resteremo in contatto.

Puoi decidere di non ricevere più la mia newsletter in qualsiasi momento, disiscrivendoti grazie al link che troverai in ogni mail, oppure scrivendomi direttamente. Gestirò i tuoi dati con rispetto e attenzione. Se vuoi saperne di più, puoi leggere la mia privacy policy. Cliccando il bottone qui sotto, mi autorizzi ad utilizzare i tuoi dati secondo i termini che ho descritto. Grazie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi