Life Update #9

Oggi è il 9 di aprile 2020.

Ieri si diceva che una ipotetica data di ripresa potrebbe essere il 4 maggio.

Sono altre settimane.

Quasi quattro.

Non mi sono nemmeno alterata, potrebbe essere anche peggio.

No non ho perso gli occhiali rosa, è che leggo, guardo video, ascolto pochi telegiornali, metto insieme le informazioni e mi sembra pericoloso essere anche solo cautamente ottimista.

Fare il mio lavoro per me non significa spingere sempre, significa anche, a volte, vedere la realtà per quello che è accettarla per quello che è, provare le emozioni per quello che sono, anche quelle negative, senza cercare di cambiarle.

Vedere le cose per quello che sono ed accettarle significa anche – se hai un business o un lavoro precario o un contratto a termine – sapere meglio cosa fare, quali nuove azioni intraprendere, quali smettere. Anche se ti costa molto, anche se non vorresti perché non erano quelli i presupposti di partenza.

In queste ultime settimane ho dovuto essere molto coraggiosa. Ecco, forse il mio lavoro mi ha semplicemente supportato meglio ad aprire una serie di Vasi di Pandora, dargli una pulita, svuotarli, sistemarli.

Non ho mai avuto una agenda così vuota (anche se, sì, come tutti passo un sacco di tempo al telefono e in videocall) e così tanto tempo per pensare. Riflettere in questa costante staticità è a tratti pesante e doloroso, ma porta dei buoni frutti.

Ho fatto un grande decluttering di emozioni e di pensieri e di cose che avrei voluto/vorrei.

Ho analizzato spietatamente alcune relazioni, assenze che pesano come assedi, vicinanze reali, destini, utilitarismi. La differenza di legame che ho con chi tira su il telefono e basta anche più volte al giorno, magari e chi non lo fa.

Questa è una domanda potente (che siamo nel 2020 e tutti mandano messaggi non conta): chi vi ha telefonato? Quante volte? A chi avete telefonato? Perché? Come vi siete sentit*?

È banale ma non è banale.

E l’introversione non c’entra.

C’entra il come stai, come state?

E il voler sentire davvero la risposta.

L’altra domanda potente alla quale tutti hanno paura di rispondere è: con chi vuoi passare la prossima quarantena? Il prossimo Lockdown, questa quantità interminabile di ore REALMENTE non REALISTICAMENTE con chi la vuoi dividere?

Dunque sto al telefono.

Leggo.

Guardo film e serie TV.

Mi perdo un po’ d’animo, spesso la sera fra le 17 e le 19.

Mangio troppo.

Ho quasi smesso di bere (si è una pratica sociale per me, in solitudine alla lunga mi annoia).

Fumo una sigaretta – e solo una – tutte le sere alla finestra mentre ascolto una canzone bella.

I momenti migliori delle ultime settimane:

  • vedere Richard e Sutton andare a vivere insieme in The Bold Type (stagione 3)
  • Ascoltare Tiga a tutto volume mentre vado a fare la spesa di detersivi
  • La scoperta di MUBI
  • Musica nuova, soprattutto elettronica, soprattutto americana (cosa strana per me che sono sempre legata alla terra d’Albione)
  • Pensare alla mia visione marina: io, un terrazzo sul Mediterraneo, il blu, il tramonto, alle mie spalle un gruppo di persone, bossanova un po’ elettro, Pimm’s, Sade, rosso, forse l’amore, ma non è ancora completamente chiaro

Anyway

Come state?

Francesca

Questo post è stato scritto ascoltando in maniera ossessiva compulsiva Sunglasses at Night nella versione di Tiga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi iscriverti alla mia newsletter?

Vuoi un assaggio gratuito di quello che posso fare per te e di quello che troverai in questo sito?
Iscriviti alla mia mailing list! E in regalo ricevi subito il mio corso Donne che amano troppo.

Stai tranquilla scrivo poco e solo per dirti cose utili e interessanti, ti aspetto!
Francesca

Sì, mi hai convinto

Per inviarti la mia newsletter ho bisogno del tuo consenso a utilizzare i dati che mi hai fornito. Ti chiedo di selezionare le opzioni che trovi qui sotto, che indicano le modalità in cui resteremo in contatto.

Puoi decidere di non ricevere più la mia newsletter in qualsiasi momento, disiscrivendoti grazie al link che troverai in ogni mail, oppure scrivendomi direttamente. Gestirò i tuoi dati con rispetto e attenzione. Se vuoi saperne di più, puoi leggere la mia privacy policy. Cliccando il bottone qui sotto, mi autorizzi ad utilizzare i tuoi dati secondo i termini che ho descritto. Grazie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi